Home > Articoli > Query Performance Insight su Azure SQL Database

Query Performance Insight su Azure SQL Database

Query Performance Insight

Tenere sotto controllo le prestazioni e lo “stato di salute” di un database non è semplice e talvolta richiede parecchio tempo.

Query Performance Insight offre la possibilità di verificare il consumo in DTU del database, individuare le query più costose in termini di DTU che potrebbero quindi influire negativamente sulle prestazioni e infine eseguire “drill down” sulle query per visualizzarne tutti i dettagli.

N.B.: Query Performance Insight è in modalità anteprima ed è attivabile solo tramite Azure Preview Portal

Prerequisiti

  • Query Performance Insight è disponibile SOLO su Azure SQL Database V12.
  • Query Performance Insight richiede che Query Store sia in esecuzione, e infatti viene abilitato automaticamente quando si attiva Query Performance Insight.

Come si utilizza Query Performance Insight

In 3 semplici passi possiamo iniziare la nostra indagine:

  • Visualizza la lista delle query più costose.
  • Seleziona la singola query per visualizzarne i dettagli.
  • Edit chart per modificare la rappresentazione grafica del consumo in DTU oppure per mostrare un periodo di tempo differente.
N.B.: Sono necessarie almeno un paio d’ore di attività sul database per avere a disposizione le prime analisi. In un dato intervallo di tempo se non ci sono attività è probabile che il grafico non contenga dati.

Nel link seguente trovate l’articolo di Steve Stein completo (in inglese) con tutti i dettagli
https://azure.microsoft.com/it-it/documentation/articles/sql-database-query-performance/

Chi è Pasquale Ceglie

Marito e padre. Appassionato di SQL Server e delle tecnologie Microsoft in generale. Opera nel mondo dei gestionali da tanti (troppi :-) ) anni. Attualmente DBA si preoccupa di tenere "in salute" i database e le infrastrutture che gli affidano.

Leggi Anche

String or Binary data would be truncated: replacing the infamous error 8152 … also in SQL Server 2017

Come già annunciato allo scorso Ignite, una delle nuove (tra le tante) feature di SQL …